Trascorrere un weekend a Torino

Un week-end a Torino si presenta come un’occasione unica per visitare una città assolutamente splendida. Si può pensare di dedicare i due giorni a visitare il centro storico, oppure ai Parchi Naturali e alle splendide Regge reali che circondano la città. Si può pensare di costruire un ipotetico itinerario intorno ai siti culturali che la città offre; alla visita delle numerose Chiese e dei Forti e Castelli disseminati sul territorio torinese e la sua provincia.

Se però si hanno a disposizione pochi giorni è bene visitare prima di tutto la città: con la comoda carta turistica si avrà l’occasione di viaggiare su tutti i mezzi pubblici gratuitamente per visitare i numerosi siti culturali.

Partendo dalla Piazza San Carlo si può visitare il Museo Egizio, l’ingresso è compreso nella card. L’esperienza si rivela davvero straordinaria con reperti dal valore inestimabile. All’interno dello stesso Palazzo vi viene offerta la possibilità di vistarela Pinacotecadella Galleria Sabauda. Proseguendo, avrete l’opportunità di vedere lo splendido Palazzo Carignano che ospita il Museo del Risorgimento. Sempre nel Centro Storico potrete vedere Palazzo Madama ela Chiesadella Gran Madre di Dio. Non si può non visitarela Mole Antonelliana.Nello stesso itinerario potrete visitare Palazzo Reale, il Duomo, la chiesa di San Lorenzo.

Ma chi arriva a Torino deve concedersi la possibilità di visitare la splendida Basilica di Superga, situata su una collina a ridosso della città. Immancabile la visita alla Reggia di Venaria: un sito davvero incantevole, Patrimonio dell’Umanità dell’Unesco. E’ una delle più grandi residenze reali in Italia ed è stata aperta al pubblico dal 2007.La Reggiaè aperta tutti i giorni tranne il lunedì. E’ possibile raggiungerla con un autobus “Venaria Express” o anche in treno.

Se invece volete proporvi un week-end alternativo potete pensare di percorrere le vie del gusto: un modo per appropriarsi della tradizione dell’enogastronomica torinese e piemontese. La proposta è quella di un circuito alla scoperta dei vini torinesi di denominazione di origine controllata: 11 vitigni che danno vita a prelibatissimi vini tra cui il Barbera, il Bonarda e Malvasia. Oppure la strada delle mele: alla scoperta dei 12 comuni che producono frutta di altissima qualità. Un percorso lungo50 chilometrida fare in bicicletta o a piedi.

In alternativa potrete costruire il vostro itinerario attorno al Barocco: lo stile predominante all’interno della città. Oltre ai già citati Palazzi del centro, dobbiamo aggiungere il Castello del Valentino ela Villadella Regina.

Sia che si scelgano i Musei o che si decida di privilegiare i luoghi di culto o l’enogastronomia: Torino è in grado di sorprendere e di incantare grazie alle sue bellezze.